AIQUAV 2019 - Libro dei Contributi Brevi

AIQUAV 2019
VI Convegno Nazionale dell’Associazione Italiana per gli Studi sulla Qualità della Vita

Fiesole (FI), 12-14 Dicembre 2019
Libro dei Contributi Brevi

a cura di Leonardo Salvatore Alaimo, Alberto Arcagni, Enrico di Bella, Filomena Maggino e Marco Trapani
novembre 2019
collana: Atti 
serie: RICERCA
area tematica: Scienze Sociali 
ISBN: 978-88-94943-75-7 (versione a stampa)
ISBN: 978-88-94943-76-4 (versione e-book)
286 pagine
22,00 (versione a stampa)
open access (versione e-book)

Per acquistare la versione a stampa
Per accedere all'e-book (pdf)

IL LIBRO

La costruzione del benessere collettivo è un obiettivo che sempre più convintamente gli Stati perseguono sia al loro interno che nell’ambito di strategie internazionali. Il raggiungimento di questo obiettivo pone in primo piano il potenziale contrasto tra gli interessi individuali dei singoli cittadini o dei singoli paesi e l’interesse delle collettività nazionali e internazionali. La formalizzazione di obiettivi di sviluppo sostenibile, la sigla di protocolli d’intesa e le legislazioni nazionali hanno l’obiettivo di coordinare l’azione complessiva in modo tale da evitare che l’interesse individuale prevalga sull’interesse collettivo. Ciò nonostante, un’analisi del panorama internazionale mostra come il problema del free riding – il godimento di beni o servizi da parte di alcuni senza una contribuzione al loro pagamento, di cui si fa carico il resto della collettività – sia estremamente attuale. Il rapporto tra benessere collettivo e scelte individuali si presenta come un tema estremamente complesso, che ben si adatta ad un’analisi multidisciplinare tipica dei convegni AIQUAV.

Our societies are characterized by rapid changes that affect various aspects of well-being. Migration, urbanization, technologization of everyday life, environmental and climatic changes, demographic trends are all causes and consequences of more general phenomena typical of post-modernity such as globalization, increasingly individualized ways of living, the processes of secularization. The task of scholars is to monitor contemporary social, economic, cultural, political and environmental changes and, in the case of quality of life researchers, to estimate the extent to which social and economic well-being is affected by these changes, both from the point of view of theoretical conceptualization and with regard to methodological and analytical trajectories. The conference aims to share national and international experiences of research and intervention to assess the local effects of phenomena with global dimensions.

GLI AUTORI

Leonardo Salvatore Alaimo è dottorando in Applied Social Sciences presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” e lavora in Istat. I suoi interessi di ricerca riguardano la misurazione dei fenomeni complessi, la sintesi di sistemi multi-indicatore, con particolare attenzione ai temi della sostenibilità e del benessere.

Alberto Arcagni è ricercatore in Statistica presso il Dipartimento MEMOTEF dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. I suoi interessi di ricerca riguardano indici di ineguaglianza, modelli distributivi per caratteri trasferibili, reti complesse e insiemi parzialmente ordinati per sistemi multivariati di indicatori. Ha pubblicato tre pacchetti R sul CRAN (SBF, parsec e ineqJD).

Enrico di Bella è docente di Statistica Sociale presso l’Università degli Studi di Genova. I suoi interessi di ricerca riguardano la misurazione dei fenomeni sociali con particolare riferimento alla valutazione delle politiche sanitarie e l’uguaglianza di genere.

Filomena Maggino è docente di Statistica Sociale presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. È attualmente esperto presso l’Ufficio del Presidente del Consiglio dei Ministri e coordina le attività della cabina di Regia “Benessere Italia”, organo di supporto tecnico-scientifico al Presidente del Consiglio nell’ambito delle politiche del benessere e della valutazione della qualità della vita dei cittadini.

Marco Trapani è docente a contratto presso l’Università degli Studi di Firenze. È esperto di tecnologie informatiche e della comunicazione per la formazione e sviluppo delle risorse umane.