Hilaire Belloc

Hilaire Belloc 

 
Hilaire Belloc 
Fede e Politica nell’Inghilterra del primo Novecento 

di Carlo Morganti 
dicembre 2019 
collana: Storia contemporanea  
serie: RICERCA 
area tematica: Scienze Sociali, Umanistica 
ISBN: 978-88-94943-86-3 (versione a stampa)  
ISBN: 978-88-94943-87-0 (versione e-book) 
310 pagine 
25,00 (versione a stampa) 
17,00 (versione e-book) 

Per acquistare la versione a stampa 
Per acquistare l'e-book 

 

IL LIBRO  

Nella visione di Hilaire Belloc (1870 – 1953) il capitalismo avrebbe condotto la società britannica ad uno stato di servitù di fatto. Convinto che il socialismo non sia una reale soluzione al problema, Belloc sostiene la creazione di un sistema politico-economico basato sulla rappresentanza dei corpi intermedi e modellato sul complesso delle gilde medievali. Lo studio persegue dunque un confronto tra le posizioni di Belloc e le visioni del socialismo gildista e cristiano diffuso nell’Inghilterra dei primi anni del XX secolo (cfr. A. Penty; G.D.H. Cole; S.G. Hobson; J. Ramsay MacDonald). Il legame tra stato servile e stato aristocratico elaborato da Belloc è evidenziato nell’analisi puntuale di The House of Commons, pubblicato da Belloc nel 1920 e riportato in appendice. 

From Hilaire Belloc (1870 – 1953)’s point of view, capitalism would have led British society to a practical servile state. Convinced that socialism is not a real solution to that problem, he supports the creation of a political-economic system based on representation by intermediate bodies and modelled on medieval Guilds. This study aims to compare Belloc’s ideas with some visions of guildist and christian socialism which are common in early XX Century England (see e.g. A. Penty; G.D.H. Cole; S.G. Hobson; J. Ramsay MacDonald). Connection between servile state and aristocratic state elaborated by Belloc is pointed out in the analysis of The House of Commons, published by Belloc in 1920, and reproduced in the appendix.

L'AUTORE  

Carlo Morganti è dottore di ricerca in Pensiero politico e comunicazione politica e collabora con le cattedre di Storia delle dottrine politiche del Dipartimento di Scienze politiche dell’Università degli Studi di Genova. Ha recentemente pubblicato Guardini e Berdjaev: il Medioevo contra nazismo e comunismo (2016), ne “Il Pensiero politico”; Comunità e Stato, Europa e Occidente. La politica secondo Guardini (Firenze, 2016); Giulio Provenzal e “Il Nuovo Patto”. Una proposta di pace per il primo dopoguerra (Firenze, 2018).

Ultimo aggiornamento 31 Gennaio 2024