Liberare l'orientamento dagli stereotipi di genere

Liberare l'orientamento dagli stereotipi di genere
L’indicatore IRIS nell’Università degli Studi di Genova: sviluppo di una prospettiva di genere

a cura della Commissione orientamento di Ateneo
novembre 2012
collana: Fuori collana 
serie: RICERCA
area tematica: Scienze Sociali 
ISBN: 978-88-97752-15-8 (versione a stampa)
128 pagine
15,00 (versione a stampa)

Per acquistare la versione a stampa

IL LIBRO

Nel 2009 la Commissione Orientamento dell’Università degli Studi di Genova avvia il progetto “IRIS: sviluppo di una prospettiva di genere”. L’indagine ha previsto uno studio sulla transizione delle studentesse e degli studenti dalla Scuola superiore all’Università, con la finalità di fornire strumenti utili a realizzare azioni di orientamento mirate che consentano ai giovani di operare, in modo consapevole, scelte svincolate da stereotipi connessi a differenze di genere. Lo studio rappresenta un’utile fonte di informazioni sulla popolazione studentesca ed evidenzia il maggiore rendimento delle studentesse, rispetto agli studenti, in tutte le Facoltà, smentendo lo stereotipo secondo il quale le ragazze otterrebbero i migliori risultati prevalentemente nell’area umanistica: i dati dimostrano che, mediamente, le ragazze hanno prestazioni migliori in tutti i corsi! Per evitare che i giovani operino, anche a dispetto delle loro inclinazioni naturali, scelte educative scorrettamente influenzate dal pensiero comune, l’Orientamento universitario deve trovare la collaborazione di tutti gli stakeholder.

L'AUTORE

La Commissione Orientamento dell’Università degli Studi di Genova è presieduta dal Delegato del Rettore per le attività di orientamento dell’Ateneo ed è composta dai docenti che, nelle diverse aree disciplinari, si occupano di orientamento nell’università e dai referenti operativi del Dipartimento Studenti. La Commissione stabilisce gli indirizzi per la progettazione e la realizzazione delle azioni di orientamento e cura, con estrema attenzione, i rapporti con le Scuole secondarie superiori, gli Enti territoriali e le Imprese.